Volo Roma-Tokyo, una mostra per celebrare il centenario dell'impresa

Il primo volo aereo Roma-Tokyo, storica impresa che vide tra i protagonisti il cadoneghese Roberto Maretto, sarà celebrato da una mostra a cura dell'Aeronautica Militare e da una serie di iniziative sul territorio, a partire dal 29 maggio 2021.

Data:
18 Maggio 2021
Immagine non trovata

L'impresa

La paternità dell'idea di un volo dall'Italia al Giappone si deve al poeta aviatore Gabriele D'Annunzio il quale, nel 1919, la condivise con Harukichi-Shimoi, scrittore nipponico e sincero ammiratore dell'Italia che all'epoca insegnava all'Istituto di Lettere Orientali di Napoli. Il progetto, seppure con qualche variazione al programma iniziale del Vate, venne accettato dalla Direzione Generale dell'Aeronautica. Non potendo D'Annunzio partire perché asserragliato a Fiume, l'impresa fu affidata agli equipaggi di due SVA-9 che si levarono in decollo il 14 febbraio 1920 alle ore 11 da Centocelle - Roma.. Gli equipaggi erano formati dai piloti Arturo Ferrarin e Guido Masiero con i rispettivi motoristi Gino Cappannini e Roberto Maretto.

Lo SVA era un aeroplano di legno e tela, l'abitacolo era aperto e l'equipaggio era esposto al vento e alle intemperie; il radiatore non era adeguato per le alte temperature tropicali, mentre il carrello era privo di carenature alle ruote, utili in caso di atterraggio su terreni difficili. A bordo non c'era la radio, la velocità si manteneva sensorialmente ed il pilota conduceva la navigazione unicamente con l'ausilio di orologio e bussola. Il 31 maggio,  dopo 106 giorni, 18.000 chilometri percorsi e 112 ore di volo alla velocità media di 160 km/h, i due SVA giunsero a Tokio. Ad attenderli trovarono 200mila persone festanti. Per celebrare l'impresa furono decretati 42 giorni di festeggiamenti in Giappone, culminati nel ricevimento ufficiale degli aviatori italiani al Palazzo Imperiale. A ricordo dello storico volo, lo SVA di Ferrarin fu collocato nel Museo Imperiale delle Armi a Osaka.

 

I protagonisti

I 4 partecipanti

Ecco i quattro italiani, tre veneti e un umbro, autori dell'impresa: il tenente pilota Arturo Ferrarin (seduto a dx), il suo motorista Gino Capannini (in piedi a dx), il tenente pilota Guido Masiero (seduto a sx) e il suo motorista Roberto Maretto (in piedi a sx).

Roberto Maretto nacque a Cadoneghe il 5 Aprile del 1892, nella storica casa dei Maretto in Via Bagnoli. Il padre Pietro e la madre Luigia, di origine contadina,  abitavano in un casone col tetto di paglia. Il giovane Roberto Maretto crebbe distinguendosi per la sua intelligenza e le sue doti manuali. Da giovane cominciò a lavorare alle Officine Ansaldo di Genova, dove nacque e maturò la sua passione per i motori. Prestò servizio militare inizialmente in artiglieria, poi come motorista nei reparti di aviazione: nel 1917 al campo scuola di Gioia del Colle, nel 1918 in zona di operazioni con la sua squadriglia di SVA. Raggiunse il grado di Maresciallo maggiore operando come motorista nelle squadriglie da ricognizione e al Reparto Alta Velocità di Desenzano. Nel 1920 gli fu chiesto di partecipare all'impresa che avrebbe segnato la sua vita. L'avventurosa traversata fu da lui documentata in un diario di volo che costituisce ancor oggi una lettura appassionante, nonostante la semplicità del linguaggio. Il 7 Maggio del 1923 sposò Maria Levorato da cui ebbe due figli, Gianpietro ed Erminia. Morì il 7 febbraio del 1942 presso l’Ospedale Militare di Padova, per le conseguenze di una malattia contratta in servizio.

Il calendario delle celebrazioni

Sabato 29 maggio

Mercoledì 2 giugno 75° Festa della Repubblica

Villa Ghedini - ore 10.00
Laboratori sul volo per i bambini Associazione Mamiù

Piazza della Repubblica - ore 9.45
Alzabandiera

Villa Da Ponte - ore 17.30
Inaugurazione della Mostra Fotografica

Venerdì 4 giugno

Villa Da Ponte - ore 18.30
Cerimonia del Tè

Villa Da Ponte - ore 20.45
Presentazione del Diario di Roberto Maretto *

Domenica 30 maggio

Sabato 5 giugno

Villa Ghedini - ore 10.00
Laboratori sul volo per i bambini Associazione Mamiù

Villa Da Ponte - ore 15.30
Cerimonia del Tè

Auditorium Ramin - dalle 16.00 alle 19.00
Arte Bonsai Laboratorio

Auditorium Ramin - dalle 16.00 alle 19.00
Arte Bonsai Laboratorio
TeatrOrtaet - ore 17 e 18.30
Il sogno del Vate Il volo Roma Tokyo in scena

TeatrOrtaet - ore 18 e 20.30
Il sogno del Vate Il volo Roma Tokyo in scena

 

Domenica 6 giugno

 

Villa Da Ponte - ore 15.30
Cerimonia del Tè

 

* Nel corso della giornata il Colonnello Nurcis ed il Tenente.Colonnello De Vita del 5° Reparto dello Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, saranno lieti di presentare due lavori da loro sviluppati nell’ambito della oramai decennale esperienza nel settore.
Il primo sarà un modo diverso ed immersivo per poter ammirare sia la mostra fotografica sia uno degli album di disegni donati dall’Imperatrice agli autori dell’impresa, in una sorta di volo su uno scenario ambientato sull’argomento del Raid Roma Tokio.
La seconda ambientazione immersiva sarà la ricostruzione dell’aeroporto di Padova per come era agli inizi del 1918 proprio quando venne scattata una delle foto più famose di Francesco Baracca e che lo ritraeva accanto al suo Spad XIII.

I patrocini

Le celebrazioni hanno ricevuto il Patrocinio dei seguenti enti:

  • Medaglia del Presidente della Repubblica
  • Ministero della Difesa
  • Fondazione Italia-Giappone
  • Regione del Veneto
  • Provincia di Padova
  • Comune di Padova
  • Città di Thiene
  • Comune di Due Carrare
  • Comune di Città della Pieve

Importante

Per accedere agli eventi prenotati è necessario esibire la prenotazione in forma cartacea o digitale

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento

Lunedi 07 Giugno 2021